Clicca qui per chattare!

Ciro Vive

Sostieni l’associazione

 Progetto
 News
 Sostenitori  3

Vendita di beneficenza per sostenere Ciro Vive


Ciro Esposito

"Lodio ha ucciso mio figlio, lamore deve salvare altri giovani”. Le parole di Antonella Leardi basterebbero a spiegare la ragione per la quale, a tre anni dalla morte di Ciro Esposito, a Napoli, nel quartiere Scampia che diede i natali al tifoso del Napoli aggredito negli scontri che precedettero la finale di Coppa Italia allOlimpico tra Napoli e Fiorentina, è nata lassociazione ‘Ciro Vive.

Cos'è "Ciro Vive"?

L Associazione Ciro Vive lavora per aiutare, con fondi raccolti dai volontari che vi collaborano, i bambini delle realtà meno fortunate di Napoli e provincia, perché i valori rappresentati dal ragazzo di Scampia, gli stessi che mamma Antonella ha raccontato e mostrato al mondo in tutti questi anni, è che vanno radicati e consolidati, partendo dai più piccoli e dal territorio. Ogni anno l'Associazione Ciro Vive promuove, tra le altre iniziative, il Ciro Day nel giorno del compleanno del ragazzo, il 23 novembre, promuovendo attività benefiche in memoria di una giovane vita spezzata per mano criminale. "Per tutti noi è una giornata – spiega la Leardi - Che celebra la vita e non la morte, con l'intento di valorizzare e porre al centro di diverse iniziative gli esseri che il nostro Ciro più amava, i bambini". Ciro vive, insomma, grazie all'associazione fondata dalla sua famiglia, attraverso il percorso alla non violenza e vive nei racconti e nei ricordi di chi lha voluto bene. Ciro già da piccolo è stato un ragazzo molto socievole, usciva con gli amici, si è integrato in fretta con i ragazzi del quartiere, organizzavano spesso partite di calcio. Lui giocava nella squadra Fortitudo di basket e ha giocato per parecchi anni fino ai 14-15 anni... Quasi tutte le foto lo ritraggono con le braccia aperte che abbraccia gli amici, la famiglia. Poi crescendo è stato un ragazzo di carattere forte, un ragazzo che ha iniziato presto ad andare allo stadio, ha seguito la sua squadra nelle partite di trasferta anche quando il Napoli stava in serie C quando non tutti seguivano il Napoli. Gli è sorta questa passione però non mi ha mai portato un problema a casa, mai. Ciro quando si è risvegliato al Gemelli, mi guardava e piangeva, diceva: “Mamma mi credi non ho fatto niente. Ho sentito i bambini che urlavano, che piangevano.” Si giustificava quasi. Alla fine ho scoperto che è vero, ho avuto tanti messaggi da quelle persone di quellautobus che dicevano Ciro è stato il nostro eroe, noi picchiavamo i pugni vicino il vetro e questo ragazzo subito è venuto in soccorso. Era molto legato alla famiglia, agli amici, infatti dopo tre anni gli amici ancora se lo piangono perché è venuta a mancare una persona che a tutti ha dato tanto". L'onlus dedicata a Ciro ha sede a Scampia, in un locale del Centro Polifunzionale di viale Resistenza, dove il Comune ha assegnato all'associazione una sede.

Prodotti

Abbiamo pensato una serie di prodotti per finanziare l'associazione "Ciro Vive". Una T-Shirt riportante unillustrazione disegnata da Maura Messina mentre ascoltava dal vivo il racconto di Antonella Leardi. Il primo prodotto creato per sostenere le attività dell'associazione che spaziano dall'assistenza ai bambini malati oncologici alle spese sociali per mantenere operative le strutture. Allassociazione Ciro Vive andranno i proventi delle vendite. Identità Insorgenti sostiene e supporta liniziativa regalando una t-shirt a chiunque porterà cento firme a sostegno della petizione voluta dalla mamma di Ciro per chiedere la revisione del processo. Processo che vede, vergognosamente, alleggerire la pena allomicida di Ciro di ben dieci anni.

Come funziona?

Verranno raccolti fondi fino alla scadenza della campagna, fissata per il 7 gennaio 2018 alle ore 23,59. I prodotti acquistati verranno spediti solo al termine della campagna.

Non ci sono news da mostrare.

  • Mariano RUSSO
  • Lucilla PARLATO
  • Eduardo FERRO